mercoledì 30 ottobre 2019

SOS Turismo Dentale - Clinica dentale del Dott. Palmas? Non mi hanno offerto assistenza dopo l'intervento


E' la storia del "boss italiano dei casting" Devis Paganelli recatosi in Moldavia per quello che doveva essere un trattamento per rendere il suo sorriso perfetto. Ma andiamo per ordine.
Il noto reclutatore di nuovi talenti, nell'occasione di un potenziale coinvolgimento nel cast di una nota trasmissione televisiva, si rivolge alla clinica dentale SOS Turismo Dentale diretta dal Dott. Palmas in Moldavia. Dopo svariati messaggi con i quali ci si accorda sulle modalità di applicazione di quelle che vengono presentate come "faccette dentali", con spiegazioni e dettagli che rendono chiaro quello che sarà l'intervento al quale Paganelli si dovrà sottoporre, si decide di procedere. Ma le cose non vanno come devono, e infatti fin da subito sono iniziati i problemi. A spiegare cos'è accaduto proprio il protagonista della vicenda.

Immagine del Dr. Palmas tratta dal sito ufficiale del medico




Dr. Paganelli, come si è avvicinato a SOS Turismo Dentale?
Mi occupo di comunicazione da ormai vent'anni. Ho preso visione di questa struttura attraverso l'attività di advertising che questa organizzazione ha effettuato attraverso promozione sui motori di ricerca. Mi è parsa una organizzazione interessante e mi sono informato scrivendo direttamente alla loro sede grazie alla mia segreteria. I prezzi sono decisamente interessanti tant'è che immaginavo ci potessero essere problemi in termini di qualità o assistenza. Ma il Dr. Palmas mi è apparsa una brava persona fin da subito.

Che tipo di esigenza aveva?
Il sorriso è importante. Credo che nove celebrities su dieci, usufruiscano di servizi di sbiancamento dentale, applicazione di faccette, bite dentali e progetti di restyling dentale completo. Nella prospettiva di un mio coinvolgimento in un noto reality show in onda su una rete ammiraglia, ho voluto informarmi su quelle che erano le modalità per rendere il mio sorriso migliore.

Che tipo di informazioni ha appreso.
Questo settore è variegato e in alcuni casi variopinto. Si parte dal semplice sbiancamento dentale con l'applicazione di semplice gel a base di perossido, che si può acquistare in farmacia o su vari siti internet. Qui il risultato si ottiene con due settimane di applicazione quotidiana ma non perdura poi nel tempo. Lo stesso metodo può essere utilizzato dai dentisti che possono contare su una quantità di perossido maggiore nel gel utilizzato presso gli studi dentistici, con una o due applicazioni, ma anche in questo caso questa applicazione ha risultati che durano solo per qualche mese. Poi si passa alle faccette, che sono come delle lenti a contatto, che si applicano però sui denti e sono garantite 10 anni solitamente. Sono di ceramica e sono di colorazione scelta con il dentista in fase di progettazione del sorriso. Queste sono modellabili e possono modificare anche la dimensione, la posizione e il sorriso in generale del dente. Le faccette non comportano, in teoria, interventi strutturali e sono applicati con apposite colle sui denti del paziente.

Perché dice "in teoria"?
Il punto è questo. Io mi sono informato su queste "faccette" e il Dr. Palmas con diverse telefonate e contatti, mi illustrava come questa soluzione, fosse quella meno invasiva, più veloce, con miglior durata nel tempo ma sopratutto reversibile. Oltre al fatto che in Italia il costo di ogni singola faccetta è di circa 1000 euro, mentre in Moldavia, dove ha sede Sos Turismo Dentale, la faccetta ha costi che oscillano tra i 200 e i 300 euro. La teoria era che come primo appuntamento, si prendevano le impronte, quindi il calco dei denti. Così che si potesse elaborare un progetto di sorriso. Al secondo appuntamento, si provava un "test" del progetto, ricevuto e accettato sommariamente via email con una animazione 3D via email. Sempre al secondo appuntamento, dopo qualche giorno dalla prova, senza dover tornare in Italia, si montavano le faccette. 
Tutto sembrava andare bene se non fosse che, a parte gli appuntamenti, che sono diventati tre, in quanto si sono allungati i tempi per la realizzazione delle faccette, mi sono reso conto che durante la preparazione del test, con un bite di prova, mi venivano limati i denti in superficie.

Immagini rappresentative sui trattamenti dentali con faccette

Non poteva lamentare questo problema?
Il personale della clinica parla in molti casi, molto bene l'italiano, anche se ovviamente, con la bocca spalancata da appositi divaricatori, il paziente spesso fatica ad esprimersi, ma alla mia riserva sul fatto che mi pareva stessero limando i denti, mi veniva risposto che si trattava di una limatura molto superficiale che serviva solo a preparare il dente per l'applicazione delle faccette.

Quindi non è stato nulla di particolarmente invasivo.
Lo è stato. Per questa limatura, sono stato abbondantemente sedato localmente in quanto ogni dente, al passaggio dell'attrezzo utilizzato per la pratica, vedevo le stelle. Il dente privo del proprio smalto diventa altamente sensibile a freddo e caldo. Anche il mio stesso respirare, mi infastidiva il dente, come se mi stesse penetrando un trapano nella gengiva. Sono stato rassicurato prima dal medico che stava trattando la limatura, sia dal Dr. Palmas, sul fatto che si trattava di normale routine per l'applicazione delle faccette. Io durante l'intervento dicevo tra me e me, che se avessi potuto tornare indietro, non avrei mai accettato di fare l'intervento se avessi saputo in maniera corretta, che si eseguiva in quel modo.

E poi cosa accadde?
Terminata la limatura, mi è stato applicato un bite che raffigurava la mia nuova dentatura. In pratica una sorta di dentiera che si applica sui denti del paziente. Il colore quasi quello da me voluto, anche se sottolineavo in quell'occasione che avrei voluto le faccette ancora più bianche. Dopo qualche ora dall'applicazione, iniziava a terminare la sedazione, tant'è che ho dovuto prendere diversi calmanti per non sentire dolore. Ero ospite della clinica, ma speravo potessero applicarmi presto le faccette, anche se, quel dolore mi lasciava intuire che forse l'intervento non era così reversibile come mi era stato anticipato.

Se il dente senza faccetta è sensibile, come farebbe, semmai lo volesse,  a togliere queste faccette in futuro, volendo tornare alla precedente situazione?
Me lo sono chiesto pure io infatti. E' questo il punto. In ogni caso, il giorno dopo al bite-test mi vennero applicate le faccette definitive. Un intervento di diverse ore e diverse sedazioni in quanto i denti sensibili non permettevano certo di stare senza una copertura. Ogni faccetta prevedeva ulteriore limatura, colla, applicazione, un attrezzo luminescente che mi pare facesse reagire il collante. Terminata l'applicazione, la sorpresa. Il colore delle faccette non era come quello del bite inizialmente applicato come dentatura provvisoria.

E come si svolse poi il seguito della questione?
Venni tranquillizzato anche qui sul fatto che era solo la mia impressione in quanto per capire la differenza tra il prima e il dopo, avrei dovuto vedere foto e video. Immagini che vidi ovviamente, solo che le immagini del prima e dopo non erano della stessa tonalità, luce e performance fotografica. Oggi come oggi, anche una dentatura pessima, con un effetto/filtro sulla foto, diventa perfetta. Senza contare che il video e le foto mi vennero mostrate sul prima e sul dopo ma il dopo era con il bite-prova e non con le faccette.

Ha lamentato questi aspetti alla clinica?
Assolutamente si. Immediatamente con una lunga mail dopo aver comunque riportato tutto anche verbalmente. Mi ha risposto il Dr Palmas con alcuni suggerimenti per combattere la sensibilità accentuata dei denti, ma non mi è stata data risposta in merito al fatto che mi era stato raccontato che il mio era un intervento reversibile quando in realtà non mi pare lo sia. Così come non mi è stata data risposta sulla colorazione.

Quanto tempo è passato?
Quasi un anno. Tre mesi fa ho ribadito la richiesta di poter fare una visita post intervento, al fine anche di capire come mai, la colorazione delle faccette sia cambiata, pur non fumando e pur non bevendo caffè. Ad oggi l'arcata superiore trattata con faccette, è tornata della colorazione pari all'arcata inferiore che non ha subito interventi di alcun genere. 

Possibile che non le abbiano risposto?
Rispondere a volte rispondono. "Le faremo sapere". "La ricontatteremo". "Passo il contatto a chi se ne occuperà". Ma di risposte nessuna. Ad oggi sono in attesa della visita di controllo che avrei dovuto fare sei mesi fa. E sono in attesa di potermi far visitare, così da capire come mai è cambiata anche la colorazione.

Quanto ha pagato?
L'intervento è stato concordato in cambio merce. Con un contratto concreto, occupandomi di pubblicità, veniva concessa pubblicità in Italia alla clinica, attraverso la pubblicazione di alcune clip realizzate da SOS Turismo Dentale su alcuni canali nazionali. In cambio la clinica mi ha realizzato questo intervento. Dopo le mie riserve, non mi sono mai arrivate le clip da mandare in onda e forse il Dr. Palmas, anch'esso letteralmente sparito, ha pensato che così facendo ha annullato qualsiasi obbligazione nei miei confronti, ma non è così.

Perché dice che il Dr. Palmas è sparito?
Non mi risponde. Sms, email, wathsapp. Prima sempre molto disponibile. Dopo l'intervento non andato come promesso, un paio di email lacunose e sommarie, ed è sparito

E ora?
Ho dato mandato ai legali per valutare come procedere. Sono rimasto subito insoddisfatto. Non è un intervento reversibile, il colore ottenuto non è quello previsto, sento dolore ai denti per sensibilità, il colore è inoltre cambiato in peggio, non ho avuto assistenza post intervento, non ricevo risposte. Penso di poter dire che posso meritare un premio in diplomazia e disponibilità. Ma a tutto c'è un limite.