Ticker

6/recent/ticker-posts

Diffamazione aggravata per Vincenzo Russolillo : A Casa Sanremo piove una denuncia.



Depositata il 21 luglio 2022 una denuncia per diffamazione aggravata a carico del patron di Casa Sanremo - Palafiori, Vincenzo Russolillo. Avrebbe incautamente diffamato il patron di Sanremo Newtalent Devis Paganelli, attraverso post sui social, con contenuti lesivi dell'immagine e della reputazione. In sede civile predisposto avviamento di una causa per inadempienza a Gruppo Eventi. Richiesta di oltre 170mila euro.

E' comparso il 21 luglio ore 14.58 sulla pagina facebook di CasaSanremo gestita da Consorzio Gruppo Eventi il cui presidente è Vincenzo Russolillo, un  post dai contenuti a dir poco discutibili. Una mancanza di stile e di buon senso che probabilmente costerà non poco a Vincenzo Russolillo da anni gestore del Palafiori in occasione del Festival di Sanremo. Non riportiamo i contenuti per non diffondere ulteriormente quello che Devis Paganelli ha riportato in una lunga denuncia querela per diffamazione aggravata, depositata il 22 luglio alla Procura di Rimini.

Devis Paganelli ci ha rilasciato una dichiarazione in merito a quanto accaduto. 
"Non tollero e in nessun caso, affermazioni che ledono la mia dignità e il mio operato indiscutibilmente trasparenze ed etico, con trent'anni di storia. Questa caduta di stile e di correttezza, non solo mi ha sorpreso, ma mi ha fatto comprendere forse tardi che per tanti anni ho sbagliato a concedere a Russolillo di rimediare ad accordi transattivi mai rispettati. Non entro nel merito dell'aspetto meramente civilistico su contenziosi che saranno oggetto di approfondimento nelle aule di tribunale e dove ognuno avrà la propria posizione, ma sotto il profilo penale ritengo che ci siano estremi per procedere. Le centinaia di persone che mi stanno dimostrando stima, riportandomi anche altre situazioni che sarà mia cura sollevare a momento opportuni, lasciano a chiare lettere, evidente, un modus operandi che è il caso di far valutare nelle sedi opportune, alla magistratura".